ENTER
  • Linfoma di Hodgkin classico e linfoma della zona grigia: quando la diagnosi si fa incerta

    Nel corso dei due ultimi decenni la scoperta di anomalie genetiche condivise tra linfoma di Hodgkin e linfoma a grandi cellule, e particolarmente quelli a primitività mediastinica, ha permesso di implementare le nostre conoscenze sulla biologia di entrambe le malattie e meglio interpretare casi che si presentano ai limiti tra l’una e l’altra categoria, sia clinicamente che patologicamente, o che recidivano l’uno nell’altro. Gli stessi avanzamenti scientifici hanno permesso di meglio comprendere il ruolo immunosoppressivo che il pabulum infiammatorio induce e potenzia, aprendo a nuovi approcci terapeutici.
    Questo incontro si propone come una occasione di confronto collegiale sul campo, tra professionisti anatomo-patologi e ematologi, sulla interpretazione di parametri istologici ed immunofenotipici che sono critici nel delineare il confine tra il linfoma di Hodgkin ed il linfoma della “zona grigia”, integrando le conoscenze patologiche con elementi clinico-terapeutici che confermano la necessità di una standardizzazione e riproducibilità dei criteri diagnostici.

  • Programma dell’attività formativa

    Martedì, 13 luglio

    14.45 Registrazione dei partecipanti on-line

    15.00 Introduzione al corso Elena Sabattini
    Moderatori: Claudio Agostinelli, Elena Sabattini

    15.10 Linfoma di Hodgkin: relazione tra microambiente e cellula diagnostica - Claudio Agostinelli

    15.30 Linfoma della zona grigia: stato dell’arte - Elena Sabattini

    15.50 Linfoma di Hodgkin: outcome e prospettive della immunoterapia - Pier Luigi Zinzani

    16.05 Linfoma della zona grigia: scelte terapeutiche ed outcome - Pier Luigi Zinzani

    16.20 Q&A

    16.40 Pausa  

    16.50 Discussione collegiale al microscopio di casi prototipici e non - Claudio Agostinelli, Elena Sabattini

    18.30 Fine lavori

  • Obiettivo formativo nazionale

    Contenuti tecnico-professionali (conoscenze e competenze) specifici di ciascuna professione, di ciascuna specializzazione e di ciascuna attività ultraspecialistica, ivi incluse le malattie rare e la medicina di genere

  • Istruzioni ECM

    Per completare il percorso formativo e ottenere i crediti ECM previsti, l’utente deve soddisfare tutte le seguenti condizioni::

    1. Appartenere a una professione/disciplina corrispondente a quelle previste dall'accreditamento ECM;
    2. Partecipare all’Evento Digitale per tutta la durata prevista (NB guardare le registrazioni non è sufficiente);
    3. Compilare la scheda di valutazione dell’Evento Digitale, resa disponibile al termine dell’evento*, entro e non oltre la mezzanotte del 3° giorno successivo a quello in cui si è terminata l'attività formativa;
    4. Superare con successo il test di verifica dell’apprendimento entro e non oltre la mezzanotte del 3° giorno successivo a quello in cui si è terminata l'attività formativa. Il test consiste in un questionario a risposta multipla con una sola risposta corretta per ciascuna domanda. Sono consentiti un massimo di 5 tentativi ed è considerato superato con successo quando si risponde correttamente ad almeno il 75% delle domande.

    Al completamento del percorso, indipendentemente dall’esito del test di verifica dell’apprendimento, sarà possibile scaricare l’attestato di partecipazione. Coloro che hanno superato con successo il test di verifica dell’apprendimento potranno scaricare l'attestato con i crediti ECM.

    Nota Bene

    La piattaforma permette di compilare la scheda di valutazione dell'Evento Digitale e di svolgere il questionario di valutazione dell'apprendimento ai soli utenti con una presenza non inferiore al 75% della durata prevista di ogni singola sessione costituente l'evento. Questa condizione deve essere soddisfatta per poter scaricare l'attestato di partecipazione.

    Per esempio, se un Evento Digitale è costituito da due Webinar da 2 ore, l’utente deve maturare una presenza uguale o superiore al 75% in ciascuno dei due Webinar. Essere presenti al 50% del primo Webinar e al 100% del secondo Webinar non è sufficiente.