ENTER
  • Pazienti affetti da carcinoma tiroideo iodio-resistente. Ottimizzazione dell’approccio multidisciplinare, dalla iodio-resistenza alla terapia sistemica

    ll carcinoma della tiroide avanzato e/o metastatico rappresenta una situazione clinica molto eterogenea. È mandatorio in questo contesto un approccio multidisciplinare che vede coinvolti in prima persona più specialisti (oncologo, endocrinologo, radiologo, patologo, medico nucleare, ecc.). Obiettivo del corso è fornire a medici già dedicati nella loro pratica clinica alla cura dei pazienti affetti da carcinoma della tiroide, conoscenze più specifiche sulla gestione dei casi complessi. In particolare, quali trattamenti abbiamo a disposizione; quando e come utilizzare i trattamenti loco-regionali; quando e come utilizzare i nuovi farmaci, inclusa la gestione degli effetti collaterali degli stessi.

  • Programma dell’attività formativa

    Introduzione - L. Locati

    Confronto sulla gestione del paziente nella pratica clinica
    1. Il valore aggiunto dell’approccio multidisciplinare - L. Locati, G. Pellegriti
    2. Quando iniziare il TKI (Tyrosine kinase inhibitors) e a quale dose – parte 1 - L. Locati, F. Monari
    3. Quando iniziare il TKI (Tyrosine kinase inhibitors) e a quale dose – parte 2 - C. Durante, A. Piccardo
    4. Prevenzione, gestione ed effetti collaterali rari associati all’assunzione di TKI (Tyrosine kinase inhibitors) - M.G. Castagna, R. Elisei, L. Fugazzola
    5. Come gestire il paziente fragile candidato a TKI (Tyrosine kinase inhibitors) - G. Crivellari, D. Salvatore

    Conclusioni e Take home messages - C. Durante

  • Obiettivo formativo nazionale

    Contenuti tecnico-professionali (conoscenze e competenze) specifici di ciascuna professione, di ciascuna specializzazione e di ciascuna attività ultraspecialistica, ivi incluse le malattie rare e la medicina di genere

  • Verifica Apprendimento Partecipanti

    Questionario a risposta multipla e a doppia randomizzazione. Si effettua online con l'obbligo di rispondere correttamente ad almeno il 75 percento delle domande per il suo superamento. È prevista la possibilità di ripetizione in caso di esito negativo