ENTER
  • Il carcinoma del colon-retto BRAF-mutato: diagnosi e terapia

    Il treno del progresso in oncologia marcia spedito verso la riclassificazione delle neoplasie in base a fattori molecolari.
    Il carcinoma del colon si sta aprendo a questo nuovo scenario per tre sottogruppi molecolari: i tumori MSI che tuttavia rappresentano soltanto il 3% dei pazienti con stadi avanzati di malattia, quelli HER2 amplificati (3-4%) e quelli con mutazioni BRAF che costituiscono il gruppo più numeroso, 8% circa.
    Quest’ultimo tipo molecolare presenta una particolare aggressività e proprio per questo la recente approvazione della combinazione di encorafenib e cetuximab impatta particolarmente sulla nostra pratica clinica in questa neoplasia.
    Il corso inquadra il management di questo sottogruppo molecolare nel contesto di quello generale della malattia.

  • Programma dell’attività formativa

    Introduzione - Alberto Sobrero

    BIOLOGIA E FARMACOLOGIA
    Le diverse malattie all’interno del CRC avanzato e il continuum of care - Tiziana Latiano
    L’impatto prognostico del BRAF mutato nel setting avanzato e adiuvante - Chiara Cremolini
    Basi biologiche dei BRAF mutati - Federica Di Nicolantonio
    Sono tutti uguali i BRAF mutati in clinica? - Salvatore Siena
    Il test: sensibilità, tessuto e sangue - Matteo Fassan
    Basi farmacologiche per il trattamento - Romano Danesi

    TERAPIA
    Lo Studio Beacon - Alberto Zaniboni
    I dati di prima linea e BRAF mutato MSI - Sara Lonardi
    Ongoing trial e prospettive per l’adiuvante - Fortunato Ciardiello
    Encorafenib e Cetuximab: un game changer? - Alberto Sobrero
    Asincronia tra i risultati clinici e la disponibilità dei farmaci - Carmine Pinto

    CLINICA
    Ruolo della chirurgia - Roberto Moretto
    Particolarità della gestione clinica del paziente con tumore BRAF - Francesca Bergamo
    Algoritmo di trattamento con percorso per paziente fit o unfit - Alessio Amatu

    CASI CLINICI
    Caso clinico 1 - Angela Damato
    Caso clinico 2 -Davide Ciardiello

    Conclusioni - Alberto Sobrero

  • Obiettivo formativo nazionale

    Contenuti tecnico-professionali (conoscenze e competenze) specifici di ciascuna professione, di ciascuna specializzazione e di ciascuna attività ultraspecialistica, ivi incluse le malattie rare e la medicina di genere

  • Verifica Apprendimento Partecipanti

    Questionario a risposta multipla e a doppia randomizzazione. Si effettua online con l'obbligo di rispondere correttamente ad almeno il 75 percento delle domande per il suo superamento. È prevista la possibilità di ripetizione in caso di esito negativo