• Approccio multidisciplinare alla gestione del paziente con NSCLC EGFR-mutato negli stadi precoci [Arezzo - 26 maggio 2022]

    La scoperta di un numero crescente di alterazioni molecolari nel carcinoma polmonare non a piccole cellule (non-small cell lung cancer; NSCLC) e lo sviluppo di metodiche di diagnostica molecolare sempre più raffinate hanno condotto, nella scorsa decade, al miglioramento significativo di sopravvivenza, anche per pazienti affetti da malattia avanzata.
    In particolare, le mutazioni del recettore per il fattore di crescita epiteliale (epidermal growth factor receptor; EGFR) rappresentano un bersaglio terapeutico ormai consolidato e negli anni si sono avvicendati farmaci inibitori delle tirosin-chinasi sempre più efficaci e sicuri, fino a giungere agli inibitori di III generazione, attivi in tutti i distretti corporei, incluso il sistema nervoso centrale. Inoltre, mentre la terapia a bersaglio molecolare era in precedenza limitata ai pazienti con malattia metastatica, oggi questo tipo di trattamento si è rivelato efficace nel miglioramento della sopravvivenza libera da recidiva di malattia per i pazienti radicalmente operati per NSCLC in stadio iniziale con mutazione sensibilizzante di EGFR. Di conseguenza, si rende necessario riformulare i percorsi diagnostico-terapeutici, anche in presenza di NSCLC operabile.
    L’obiettivo di questo progetto è favorire l’ottimizzazione dei percorsi diagnostico-terapeutici e assistenziali dei pazienti affetti da NSCLC con mutazione sensibilizzante di EGFR attraverso incontri (Gruppi di Miglioramento) sul Territorio Nazionale, nei quali professionisti di varie discipline (partecipanti di provenienza regionale e macro-regionale con specializzazioni diverse, e.g. oncologi, anatomo-patologi, broncoscopisti, chirurghi, biologi) avranno modo di confrontarsi sui nuovi standard di trattamento e analizzare collegialmente situazioni cliniche specifiche in un contesto multi-disciplinare.
    Al termine di ciascun incontro sarà prodotta una scheda contenente le indicazioni operative condivise per la gestione del paziente EGFR-mutato.
    A conclusione del progetto, è prevista l’analisi degli elaborati prodotti da ciascun gruppo e la predisposizione di una sintesi finale che sarà messa a disposizione dei Responsabili Scientifici degli incontri.

  • Modalità di partecipazione

    L’iscrizione all’attività potrà avvenire esclusivamente attraverso procedura online, non saranno accettati nuovi iscritti presso la sede congressuale.

    Per l’accesso agli spazi congressuali, AccMed raccomanda di attenersi alle seguenti norme di sicurezza:

    • non accedere agli spazi congressuali con temperatura corporea superiore a 37.5
    • mantenere la distanza interpersonale
    • indossare la mascherina FFP2 coprendo naso e bocca per tutta la durata dei lavori
    • disinfettare frequentemente le mani con appositi gel idroalcolici

    Potete trovare ulteriori dettagli relativi allo svolgimento dell’evento residenziale e alle relative misure di sicurezza qui: https://fad.accmed.org/sicurezza.

  • Programma dell’attività formativa

    Fase propedeutica all’incontro di ciascun Gruppo (2 ore)
    I partecipanti al singolo gruppo di miglioramento compileranno una survey, disponibile su una piattaforma web dedicata al progetto ad accesso riservato.
    La survey, preparatoria e propedeutica agli incontri, intende focalizzare aspetti più organizzativi del percorso diagnostico-terapeutico del paziente con NSCLC EGFR mutato allo scopo di individuarne eventuali criticità e discutere successivamente sulle proposte per il miglioramento.

    Incontro del Gruppo di Miglioramento (4 ore) 

    12.45 - Registrazione dei partecipanti on-line 

    13.15 - Obiettivi e metodologia di lavoro (Edi Editta Baldini)

    13.30 - Relazioni di aggiornamento sui seguenti temi:

    Stato dell’arte e prospettive future nel trattamento del NSCLC EGFR mutato in stadio iniziale e localmente avanzato (Edi Editta Baldini)

    Problematiche attive nella diagnostica isto-patologica e molecolare nel NSCLC in stadio iniziale e localmente avanzato: ottimizzazione del percorso di analisi molecolari nelle diverse realtà cliniche (Francesco Puma, Angelo Sidoni)

    14.30 - Stato attuale della gestione della progressione dopo trattamento con inibitore di EGFR di III generazione (oligoprogressione vs. progressione sistemica) (Andrea Camerini)

    15.00 - Presentazione e discussione guidata di scenari clinici (Edi Editta Baldini, Vincenzo Minotti)

    16.30 - Esperienze dei partecipanti 

    17.30 - Definizione della corretta gestione del paziente con mutazione EGFR e compilazione collegiale della scheda strutturata condivisa

    18.30 - Elaborazione condivisa del draft di documento conclusivo

    19.15 - Chiusura dei lavori (Edi Editta Baldini)

  • Iscrizioni

    Questa attività è riservata a un numero limitato di partecipanti.

    La quota di partecipazione è gratuita.

    Per partecipare all’evento è necessario completare la procedura di iscrizione.

  • Obiettivo formativo nazionale

    Documentazione clinica. Percorsi clinico-assistenziali diagnostici e riabilitativi, profili di assistenza – profili di cura

  • Istruzioni ECM

    Per completare il percorso formativo e ottenere i crediti ECM previsti, l’utente deve soddisfare tutte le seguenti condizioni:

    1. Appartenere a una professione/disciplina corrispondente a quelle previste dall'accreditamento ECM;
    2. Partecipare ad almeno il 90% della durata dell’evento;
    3. Produzione della scheda conclusiva;
    4. Compilare la scheda di valutazione dell’evento - resa disponibile ESCLUSIVAMENTE ONLINE al termine dell’evento stesso - entro e non oltre la mezzanotte del 3° giorno successivo a quello in cui è terminata l'attività formativa;